non-catholic cemetery Emelyn Story

Cimitero Acattolico

Il Cimitero Acattolico: un luogo incantato tra tombe, gatti e mura romane.

All’ombra della celebre Piramide di Caio Cestio, dove il quartiere Ostiense si affaccia verso l’Aventino e a far da confine con il rione Testaccio si trova il Cimitero Acattolico, particolarissimo angolo di Roma.

L’attuale terreno del cimitero è stato sviluppato nel tempo dal ministro prussiano presso la Santa Sede in lotti lineari. Si suddivide, infatti, in cinque zone cronologiche: Antica, Vecchia, Prima, Seconda e Terza, ancora attiva a tutt’oggi.

Tale sviluppo ha fatto si che passeggiando da una parte all’altra del cimitero si percorre un’immaginaria linea temporale che mostra evidente il cambio di stile, gusti e approccio alla morte che hanno caratterizzato le varie epoche.

Ma come nasce il cimitero acattolico? Le vere origini sono purtroppo sconosciute, e non si ha traccia certa dei luoghi di sepoltura dei non cattolici prima che nel ‘700 il Vaticano concedesse l’utilizzo di questa zona accanto alla Piramide, anche se è praticamente certo che le inumazioni dei forestieri si svolgessero nei pressi del Muro Torto, luogo di sepoltura di prostitute, giustiziati, saltimbanchi e reietti di ogni genere.

La prima persona di cui si ha notizia certa della sepoltura in questo cimitero risale al 1738: è uno studente di Oxford di 25 anni chiamato Langton.

Piramide

La piramide ed il Cimitero Acattolico a Roma, Testaccio.

Il primo documento ufficiale che menziona il cimitero acattolico sembrerebbe essere la celebre carta di Roma del 1748 di Nolli e Piranesi, dove il cimitero è collocato nell’area denominata “prati del popolo romano”. L’area di Testaccio e dell’Ostiense, infatti, era ancora vera campagna o “Agro romano”, caratterizzato da prati, pascoli, vigne ed osterie fuoriporta che i romani dell’epoca amavano frequentare in allegria in occasione delle varie festività e non.

Nello statuto del cimitero del 1921 si afferma di “voler assicurare l’inumazione ai cittadini stranieri di fede protestante o greco-scismatica”, oggi semplicemente si rivolge in modo più ampio a tutti gli acattolici.

I primi anni della vita del cimitero acattolico furono abbastanza burrascosi. Molto spesso si verificavano infatti atti di vandalismo nei confronti dei non cattolici e delle loro tombe. Le inumazioni infatti dovevano svolgersi perlopiù nottetempo per non dare nell’occhio ed attirare la collera dei romani meno tolleranti. L’area inoltre è stata priva di una vera e propria recinzione completa almeno fino alla metà del 1900.

Un altro problema delle sepolture acattoliche era che fino al 1870 in questo particolare cimitero era addirittura vietato l’uso di croci ed epigrafi inerenti la gratitudine eterna o l’amore divino. Questo perché le autorità ecclesiastiche non ammettevano che vi potesse essere salvezza per chi fosse morto al di fuori della fede cattolica. Nel 1869 la Commissione pontificia, incaricata di esaminare ed eventualmente approvare le iscrizioni funerarie, rigettò la domanda di incidere su una lapide le parole: “Hier ruht in Gott”. Perfino espressioni come “God is love” furono vietate. Tutto cessò dopo il 1870. Oggi, infatti, è possibile trovare epigrafi di tutti i tipi: dalle citazioni cinematografiche a profondi pensieri filosofici, per arrivare alla semplice e secca: “Novità?”. Ma perdendosi nei vialetti del cimitero ci si può imbattere in epigrafi ancor più particolari come la sventagliata di mitra nazista diretta ai partigiani che si nascondevano qui durante i famosi scontri nell’adiacente Porta S.Paolo nella giornata dell’8 Settembre a seguito dell’annuncio dell’armistizio.

Novità?

Tomba di Umberto Missori

Nel cimitero hanno trovato riposo per la maggior parte inglesi e tedeschi; ma anche molti americani, scandinavi, russi e greci; persino qualche cinese e qualche rappresentante di paesi arabi o mediorientali, come Mohammed Hossein Naghdi, leader della resistenza iraniana assassinato a Roma nel 1993 ed oggi sepolto accanto a Gramsci.

Ci sono anche presenze italiane, principalmente grazie a legami di parentela con stranieri già sepolti qui, eccezion fatta per alcune illustri eccezioni come ad esempio Carlo Emilio Gadda, sepolto qui piuttosto che a Milano, per volere dell’allora sindaco di Roma Rutelli.

Ma il cimitero acattolico è soprattutto le tombe delle tante celebrità straniere che hanno deciso di soggiornare in quella che era considerata la città immancabile in ogni “Grand Tour” dei nobili rampolli ottocenteschi, una vera e propria “mecca degli artisti” come amava definire Roma Henry James, il “miglior salotto di Europa” a detta di Stendhal e, Goethe, che solo a Roma… solo a Roma aveva capito cosa voleva dire essere un uomo. Pittori, scultori, attori, ballerini, poeti e scrittori riposano in gran numero sotto i caratteristici cipressi all’ombra della Piramide, in alcuni casi i defunti non sono direttamente celebri, lo sono i loro parenti, come nel caso di August, semplice contabile ma figlio di Goethe, della figlia di Boecklin e della figlia e nipote di Tolstoj. Le due più note celebrità del cimitero acattolico sono John Keats, e Percy Bysse Shelley, due dei maggiori poeti romantici inglesi.

La tomba di John Keats

La tomba di John Keats

tomba di Percy Bysse Shelley

Tomba di Percy Bysse Shelley

 

Ma è possibile anche rendere omaggio a numerosi pionieri del progresso e della storia come scienziati, esploratori, straordinari archeologi (Krautheimer, il più grande studioso della civiltà romana e la signora Schliemann, moglie dello scopritore di Troia sono sepolti qui), architetti, grandi medici, politici e militari risorgimentali.

Alcune tombe sono caratterizzate poi da emozionanti opere d’arte come il celebre “Angelo del dolore” eseguito da William Wetmore Story per ricordare la moglie Emelyn scomparsa nel 1893: due anni dopo alla morte dello scultore i coniugi riposeranno sotto le ali dello stesso angelo.

Ma il cimitero acattolico non è solo un incredibile luogo di eterno riposo, ospita infatti con l’adiacente Piramide una delle maggiori colonie feline dei Roma, i Gatti della Piramide. Non è difficile imbattersi in qualche simpatico felino che si gode il sole o l’ombra sdraiato tra le tombe o appollaiato su qualche scultura. L’intera colonia è gestita da volontari ed i gatti sono tutti adottabili, sia materialmente che a distanza con una donazione. La presenza dei gatti rende una passeggiata all’ombra della Piramide ancora più interessante e rilassante.

gatto tomba

Un gatto del cimitero acattolico di Roma

Attraverso i secoli e le storie, a dispetto del luogo, molto sembra ancora vivo all’ombra della Piramide. Trecento anni di incredibili personaggi accompagnano chi vorrà avventurarsi alla scoperta di questo angolo di Roma davvero unico. Trecento anni di mescolanze tipicamente italiane, forse è questa l’Europa. Gli stranieri che riposano qui sarebbero rimasti forse dispiaciuti nel sapere che moltissimi italiani non conoscono questo posto, dopotutto loro amavano questa terra così tanto da volerci rimanere per sempre, e per molti di loro così è stato.

 

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito ufficiale qui.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *