Rocca Ardeatina

Ardeatina

Il mistero della via Ardeatina.

La via Ardeatina , nella serie delle vie suburbane, risulta essere una delle meno ragguardevoli e la meno riconosciuta nel corso relativo. Questa strada, di cui abbiamo notizia grazie ai Cataloghi Regionari, giungeva all’antica città di Ardea, sede dei Rutuli, una delle località più importanti del lazio meridionale trai secoli VIII e VI a.c., fatto questo che ne comproverebbe l’antichità. Distante da Roma all’incirca 24 miglia, questo insediamento vanta origini mitiche, di volta in volta attribuite a Danae, figlia del re di Argo, oppure a Ardeas, figlio di Odisseo e Circe. La decadenza precoce di Ardea, in stato di semi-abbandono agli albori dell’età imperiale, e la concorrenza delle vie commerciali adiacenti, resero però ben presto l’Ardeatina una strada poco frequentata. Inoltre, nel corso del medioevo e dell’era moderna, il tracciato originale fu stravolto a tal punto che oggi non è possibile restituirne l’andamento di un tempo, specialmente nel tronco suburbano. Ad ogni modo, secondo gli studi del Tomassetti, la via:

<partiva dalla Porta Nevia del recinto primitivo urbano, piegava a sinistra verso l’Appia, con la quale non aveva comune il percorso ma proseguiva sulla destra, quindi passava tra San Sebastiano e la tenuta detta Tor Marancia; poi tra Zampa di bove e la via dell’Annunziatella, poi fra Tor Carbone e Sant’Alessio, poi dentro la Cecchignola, ove fu rintracciata nel 1828; poi per Casal Giudio, Monte Migliore, Solfaratella e Santa Procula raggiunge il castello di Ardea>.

ardeatina

Via ardeatina alla Cecchignola – Ritrovamento negli anni ’80

L’autore cita, a tal proposito, un’interessante fonte secondo la quale dalla Porta Nevia partiva anche la vicina via Laurentina. L’esistenza stessa di tale via, contribuì alla concorrenza della quale sopra accennavo che causò l’abbandono del tracciato ardeatino.

L' antica via Ardeatina - particolare

L’ antica via Ardeatina – particolare

I ritrovamenti di cospicue proprietà antiche e del medioevo, cimiteri cristiani e basiliche, convincono gli studiosi che la via fosse comunque frequentata sia nell’antichità che nel medioevo. In età medievale infatti la via Ardeatina restò comunque parzialmente in uso, malgrado le località verso cui conduceva fossero spopolate. Così, ad esempio, sorse ai piedi dell’abbandonata rocca di Ardea, nella località che oggi mantiene il nome di Casalazzara, un lazzaretto che ospitava i lebbrosi espulsi da Roma. In età moderna l’unico evento degno di nota nella zona fu invece, nel 1700, la fondazione del santuario del divino amore.
Un interessante passo del Tomassetti sottolinea lo stato di abbandono in cui versava la zona, ancora alla metà degli anni ’50 del Novecento:

<Mancanza d’acqua nel tronco medio, di ricoveri, di tutto. Quivi sfoggia tutta la sua prepotenza dei pecorari, che si lasciano impunemente insidiare alla vita dei passeggeri. In una delle gite su questa via siamo stati assaliti da una truppa di sei cani mastini; e se uno dei miei compagni, armato di fucile, non ne avesse fatto ruzzolare il più veloce ad arrivarci, saremmo stati in pericolo di vita>.
L’ultima rilevante sventura che conferma le difficoltà che questa strada ebbe nel corso dell’era moderna è la sparizione della porta urbana da dove partiva. La via Ardeatina usciva dalla Porta Nevia delle mura Serviane, sul ciglio dell’Aventino a eguale distanza tra le chiese di San Saba e Santa Balbina.

Secondo gli studi del Tomassetti, ma anche solo a rigor di logica, la via doveva avere anche un uscita sul più ampio recinto Aureliano, di cui però non si ha traccia, facendo supporre che la porta sia stata chiusa in tempi antichi. La porta Ardeatina di età imperiale invece fu stravolta nel XVI secolo da Antonio di Sangallo, che la demolì nel 1538 durante i lavori di fortificazione di quella parte delle mura. Una piccola porta invero esiste nelle mura Aureliane, tra il bastione del Sangallo e la porta Appia: <con architrave e stipiti di travertino e una luce di metri 2.90> Ma la posizione di essa, visibile ancora oggi, che non guarda la campagna, la qualità della costruzione e l’esame del suolo suburbano concorrono a escludere totalmente che questa porta possa avere avuto relazioni con la via Ardeatina.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *