Articoli

non-catholic cemetery Emelyn Story

The Non-Catholic Cemetery of the Pyramid in Rome

The Non-Catholic Cemetery of the Pyramid in Rome lays under the shadow of the famous Caius Cestius Pyramid, where Ostiense district leans towards the Aventine hill and merges with Testaccio.

The non-catholic cemetery origins are sadly unknown; we have no official chronicles about non-catholic burial areas before the Vatican chose this area near the Pyramid. Traditionally though, foreigners were usually buried at the “Muro torto” (Crooked wall), alongside with prostitutes, executed criminals, mummers and random outcasts.

The first official name buried in this area dates to 1738: a 25 years old Oxford student named Langton.

The first official document mentioning the non-catholic cemetery of Rome seems to be the famous 1748 Nolli and Piranesi Roma map, where our cemetery can be spotted in an area called “Roman people meadows”. At that time, the Testaccio and Ostiense area, was in fact real countryside within the walls, the so called “Agro romano” made of meadows, pastures, vineyards and suburban inns and taverns loved by Romans and especially popular during the festivities.

Pyramid

The pyramid and the non-catholic cemetery of Rome, Testaccio.

Today’s perimeter of the Non-Catholic Cemetery of Rome was developed in linear patches along time by the Prussian minister to the Holy See. The whole area in fact is divided into five chronological zones: Ancient, Old, First, Second and the Third, still active today. This development created an imaginary timeline that can be explored to feel the change in styles and the different approaches to death along centuries.

In the 1921 official cemetery statute it is claimed that this area “grants the burial to foreign citizens belonging to protestant or Greek-scismatic faith”, today the cemetery is simply open to any non-catholic.

The first years of the non-catholic cemetery of Rome were quite troubled. It was not uncommon, for the most intolerant Christians, to vandalize the non-catholic tombs. The burials, in fact, had to take place after sunset, with a low profile, to avoid being spotted and bullied by the most fervid Romans. It did not help that until 1900 the cemetery was not fully fenced.

Another issue of the non-catholic burials was the ban on crosses or epitaphs mentioning the eternal gratitude or the love of God, a ban that lasted until 1870. Vatican authorities in fact, did not believe that God would have saved the soul of those who died following any other faith but the Roman-Catholic one.

In 1869 a Papal commission, appointed with the task to check and approve every funeral inscription request, even rejected “Hier ruht in Gott(Here rests in God) and “God is Love”. This practice stopped after 1870, with the end of the Papal State and the beginning of the new Italian kingdom.

Today we can find every sort of inscriptions: from film quotes to deep philosophical thoughts, until the simple and witty: “Novità?” (“Any news?”), but a simple walk along the cemetery walkways shows an even more peculiar “epitaph”: a nazi machine gun sign, a relic of the famous Porta S.Paolo battle. After the armistice partisans troops were hiding in the non-catholic cemetery and nazi troops fought here against them.

Any news?

Umberto Missori’s tomb: “Any news?”

The majority of burials in the non-catholic cemetery of Rome belongs to Germans and English citizens; but there are also many Americans, Scandinavians, Russians and Greeks; even some Chinese and some from Arabic or Middle-Eastern countries, like Mohammed Hossein Naghdi, leader of the Iranian resistance killed in Rome in 1993.

There are also some Italians buried here, mostly because they were relatives of foreigners already resting in the non-catholic cemetery, but there are also some exceptions like Carlo Emilio Gadda, a famous XX century Italian poet and writer. It was buried here instead than in Milan, following Rome’s mayor, Francesco Rutelli’s will.

But the non-catholic cemetery is mostly renowned for the burials of foreign celebrities that chose to spend some time in Rome, the jewel of any “Grand Tour”, the traditional IX century trip of Europe (mostly France and Italy) undertaken by upper class European young men at the coming of age as an educational rite of passage. Whatever the Tour route was, Rome could never be missed, it was the Mecca of artists as Henry James said, or “the best cultural gathering of Europe” quoting Stendhal and “The only place where he really understood what it meant to be a man” according to Goethe’s words.

Painters, sculptors, actors, dancers, poets and writers rest in great numbers under the iconic cypress trees near the Pyramid. Sometimes the dead are not famous by themselves, their relatives are, like August, a simple accountant but also Goethe’s son, Boecklin’s daughter and Tolstoj’s daughter and nephew.

The two most famous celebrities of the non-catholic cemetery of Rome are certainly John Keats and Percy Bysse Shelley, two of the main English romantic poets.

La tomba di John Keats

John Keats grave in the non-catholic cemetery of Rome

 

tomba di Percy Bysse Shelley

Percy Bysse Shelley grave in the non-catholic cemetery of Rome

During a visit to this extraordinary cemetery it is also possible to salute many pioneers of progress and history: scientists, explorers, amazing archaeologists (The greatest expert of Roman civilization, Krautheimer and Mrs Schliemann, Troy’s discoverer wife, are both buried here) architects, great doctors, politicians and soldiers fighting for the Italian unification wars.

Some of the graves are embellished by gorgeous artworks like the well-known “Angel of Grief” by William Wetmore Story, sculpted to remember his wife Emelyn. She died in 1893 and two years later William joined her rest under the angel wings.

But the non-catholic cemetery of Rome is much more than just the aeternal resting place of many people, it also houses one of Rome main cat sanctuaries, The “Gatti della Piramide” (Pyramid’s cats). It’s not uncommon to spot some peaceful little feline enjoying the sun or happily napping on a cozy tombstone. The cat colony is mantained entirely by volounteers and all the cats are up for adoption, online with a donation but even in real life. The cats make a stroll under the pyramid shadow even more relaxing and interesting.

 

gatto tomba

One of the many cats of the non-catholic cemetery of Rome

Through the centuries and through the stories, despite this place’s nature, there still is a lot of life under the shadow of the Pyramid. 300 years of amazing characters and stories will be revealed to whoever wants to take a stroll in this unique corner of Rome. 300 years of melting pot, maybe this is Europe at its core. The foreigners resting here may be saddened at the thought that the majority of people ignore this place, they loved this city so much they wished they stayed here forever, and for many of them, this whish was fulfilled.

The official non-catholic cemetery of Rome website can be found here.

progetto EUR E42

EUR district and the dream of World’s Fair.

EUR district: a journey from World Fair to a Business district.

Today “Europa” is the official name of the district known as EUR; acronym, as widely known, of “Esposizione Universale Romana”. The real name, the first chosen for this area, was E42, and had to represent the new “ultramodern city” that in 1942 had to host Rome’s World Fair. The chosen date was not a coincidence; it was in fact the 20th anniversary of Mussolini’s March on Rome.

This occasion had already been celebrated in 1932 with a huge exhibition held in Rome’s Palazzo delle Esposizioni and focusing over the “Fascist revolution”, a huge success.

rivoluzione fascista 1932

1932 the “Fascist Revolution” exhibition in the Palazzo delle Esposizioni

The idea to hold a World Fair in Rome was suggested to Mussolini by Giuseppe Bottai, in June 1935. Bottai had just been appointed City Governor. The huge innovation, compared to every other previous world Fair edition, was for the buildings to be real permanent constructions. Until then in fact, every World Fair ever held always had all the pavilions and buildings dismantled when the Fair was over. In the E42 all the buildings instead, had to become the kernel of the new Rome expansion towards the sea.

 

The first main blueprint of the whole  E42 area, made by the same group of architects that created the “Città Universitaria” (University City), was revised by the group leader, Marcello Piacentini. Planning of each single building instead, will be appointed to various Architects after 4 different public bids starting in 1937.

progetto E42

EUR: One of the first plans for E42

The style, called metaphysical rationalism, as in reference of De Chirico’s paintings, is basically expressing an oversimplified classicism. Although based on modernity, the whole complex is, for obvious propaganda reasons, over rhetorical if compared to other contemporary Italian architecture.

By the beginning of World War II, of the many buildings planned for the EUR, only 2 had been completed. The Ente Eur offices building and the Workers Village, along Via Laurentina. Works in progress were: The “Palazzo dei Congressi”, the “Palazzo della Civiltà italiana”, the 4 museums surrounding the Imperial Square.

colosseo quadrato

EUR 1940: the “Palazzo della Civiltà italiana” just before the interruption.

Also foundations had been laid for the theater, the church, the post office and the two buildings of the exedra, the INA and INPS one. Most of the main structures of the Underground stations had also already been completed, they had to connect the World Fair with the main Termini Station, but the tunnels were just used during the war as bomb shelters.

Construction works, interrupted by the war, restarted only a few years after the war was over. 1950 saw the completion of Via Cristoforo Colombo, formerly known as Via dell’Impero.

EUR: Interrupted works are finally completed

 

1951 saw the completion of the other buildings. In 1955  a new EUR blueprint was made, and then, with a fully functional Underground connection, Municipality offices, corporations and ministries arrived in the district and were followed by private companies offices. With the arrival of white collars new shops started to open up for business and in the meantime some areas became residential zones.

This transitional phase into a Business District abandoned completely the rationalism style and followed instead the new “international style” to stress the modernization process of a new society.

EUR: The palazzo della civiltà italiana

The last big phase of development of the EUR happened in 1960 for the XVII Olympic Games. The new EUR in fact was chosen to host the new Sport palace, the Velodrome and the Roses swimming pool. In these years many other areas were completed, together with the artificial lake.

velodromo

Rome’s EUR Olympic Velodrome. Dismantled in 2008.

More infos on FENDI’s new EUR project can be found here.

This article is also available in Italian.

This article is offered by Veni Vidi Visit, please check our amazing not so touristy Rome Free Walking Tour!

Garbatella case rapide

Garbatella – Part 1

Garbatella is an area of the Ostiense neighborhood belonging to the VIII district of Rome. Built in about 20 years, starting from the area of St.Paul’s hills, despite seeming quite unified, Garbatella went through many different construction phases, taking shape as a real laboratory of styles and types.

Garbatella’s different groups of buildings are the result of the different connections of the Italian society and their changes according to the variety of social groups they were built for.

Garbatella bucato

Laundry in Garbatella – Photo by Maria Freria Dominguez

Even if, in the past, the district went through hard times during which it had a bad reputation, it is nowadays one of the liveliest neighborhoods of Rome, status that was officially confirmed when it obtained the privilege of being called “Rione”one of the historical regions Rome is traditionally divided into. Thanks to this title Garbatella is now widely recognized for its cultural importance and historical relevance.

The origin of the name Garbatella is still under discussion. According to a widespread hypothesis, the neighborhood is named after a nice innkeeper named Carlotta (or Maria). She was so beloved by the travelers passing by her inn that everybody started to call her “garbata ostella”, the “polite innkeeper”, later shortened in “garbatella”.

garbatella ostessa

Garbatella’s symbol in Piazza Bonomelli – Photo by Laura Antonucci

The image of this mythical woman can be seen today on the facade of a building in piazza Geremia Bonomelli.

A second hypothesis regarding the origins of the name Garbatella refers instead to a peculiar type of wine cultivation technique called “barbata” (bearded) or “garbata” (polite) in which the vines are supported by maple or elm trees. This type of cultivation technique was common in the lands called “Tenuta dei 12 cancelli”, a local vineyard that in XIX century belonged to Monsignor Nicholas Maria Nicolai, famed agricultural scientist and intellectual, General Commissioner of the Apostolic Chamber, President of the Lincei Academy and President of the Pontifical Roman Academy of Archaeology.

Garbatella, name by which the area was called way before the district construction begun, was not the only one taken into account. In the official first plan, the district had to host the workers of the nearby Ostiense industrial area, so somebody proposed to call it “Concordia”, the name of the first garden-working class suburb built in 1920 around Piazza Brin. In the fascist period instead, they thought about drawing inspiration from classical historical sources: “Remuria”, the other potential name of Garbatella, was the mythical city Remus wanted to build on the next hill towards the sea, opposed to the Palatine hill, his brother’s Romulus choice (historians will later identify this area on the Aventine hill).

garbatella lotto piazza brin

Lotto in Piazza Brin – Photo by Maria Freria Dominguez

Let’s begin our journey from the very birthplace of the area, Piazza Brin,where we immediately notice the pleasant balance between green areas and buildings; it’s one of the highest percentages in Italy during that period. Together with the extreme richness in the details (notice the beautiful gargoyles and the unique chimneys), despite being outside the ancient Aurelian city walls, we find an headless Roman marble statue, proof that in ancient times this area was a burial ground. Together with the small votive shrine built during the war by the inhabitants of this “lotto” hoping to survive the bombings, another interesting artifact of this piazza is the memorial marble plaque celebrating the laying of the first stone of the district, which dates back to 1920.

garbatella - fondazione

Garbatella’s first foundation stone – Photo by Maria Freira Dominguez

In this photo, together with the royal presence of King Victor Emmanuel the III, the ceremony is attended by the IACP (Independent Public Housing Institute) and the SMIR (Independent Authority for the Maritime and Industrial development of Rome). There is no trace of city Mayor Nathan, to which the historically dominant leftist sentiment of the area would like to assign the district’s foundation. Even though this leftist administration had a great role fighting the abusive urban speculation and stressing the industrial spirit of the area, there are no historical proofs of direct connections between the foundation of Garbatella and the leftist “People’s Block Party“ who only ruled the city until 1913.

IACP was founded in 1903, thanks to Deputy Luigi Luzzati’s will. His idea was to achieve cheap working-class housings in the urban area of Rome; IACP begun immediately to alleviate the housing crisis in Rome through the construction of the interesting Flaminio and San Saba neighborhoods.

SMIR instead was born in 1902 and despite its crucial actions aiming to improve the southern area of Rome, had a short and contradictory life, being already dismissed in 1923. SMIR was the idea of Paolo Orlando, technocrat of Sicilian origin, member of the anti-Bolshevik association, opposition advisor during the rule of Mayor Nathan and promoter of the construction of Ostia harbor. After getting an Engineering degree at Milan’s Politecnico he came to Rome to pursue his political career. Here Orlando immediately begun working on his big plan for the industrial-commercial and maritime development of Rome.

garbatella foto d'epoca

Garbatella – Aerial photograph.

In 1880 Paolo Orlando started a national committee focused to build a huge basin linking the area to the seaside. It would have been equipped with big seaports and connected to the railway network. It was to become the ultimate step to improve the industrial development of the Ostiense area.

This project will never be fulfilled because the planned resources will be redirected to other public works in Northern Italy. Despite the failure of the bigger project Paolo Orlando enrolled, since 1910, IACP and, few years later, architects Gustavo Giovannoni and Marcello Piacentini, who took charge of the district plans.

Going through via Cialdi we get to via di Sant’Adautto. Here we meet the first nucleus of “quick houses”, those of the “Lotti VI and VII” built in 1923.

Garbatella case rapide

Garbatella, case rapide (quick housing) – Photo by Maria Freria Dominguez

The buildings look really nice thanks to their tininess and peaceful isolation even if they lack the nice aesthetical details of the houses in the previous lotti. The reason of this difference is the urgent need to create quick and cheap dwellings for the population. The total isolation of this group of houses, close among themselves and located on the top of a small hill, was a comeback of the iconic borgata (working-class suburb), a place of segregation and physical isolation of the unwanted members of the lowest class.

After this period a new progressive social diversification of this area begins; Garbatella will start to host diverse families from different backgrounds evicted by the huge demolition projects that were taking place all over Rome. The first relocated Romans that arrived here were those displaced from the areas of the Theater of Marcellus, the Salita del Grillo and Piazza Montanara, followed in 1929 by those living in the so called “Abissinian villages” of Milvian bridge and Portonaccio. These villages were basically shanty towns lacking proper sanitation, water supply, electricity, streets and other basic human necessities. They were named “Abissinian villages” because they looked like the poor towns of the African colonies of the Italian Empire.

This “quick houses” experience will be repeated in Piazza Masdea and in 1925 in via Magnaghi when, following the lifting of controlled house rental prices in the city center, a huge number of freshly evicted families start to move towards this area looking for a dwelling.

garbatella roma commodilla serafini

Garbatella, Parco Serafini, location of the Catacombs of Commodilla.

Now we are going into Commodilla’s Park, built over the catacombs bearing the same name. These catacombs were in use from the IV until the IX century and then forgotten for centuries. They were rediscovered only 600 years later.

This underground burial complex was built, as it was common, nearby the remains of one of the many “pozzolana” (volcanic ash) quarries of the city and is named after the landlady that donated this piece of land to Christians in order to create a cemetery.

The most relevant burials we find here are those belonging to the Saints Felice and Adautto, both martyrs under the rule of Emperor Diocletian. Notice that Adautto is not a common Roman name, “adauctus” just means “added” in Latin and, according to VII century historian, it refers to a Christian bystander who offered himself voluntarily for martyrdom.

The galleries of this cemetery offer less artworks if compared to the most famous underground cemeteries in Rome; although they host one of the most important inscriptions in Italy. The graffiti inscription in one of the underground cemetery chapels “non dicere ille secrita a bboce” (don’t speak these secrets aloud), dated between the VI and XI century, is so distant from standard Latin that can be considered the oldest example of “vulgar” Italian language.

Lotto 8

Lotto 8 – Photo by Maria Freria Dominguez

Let’s pass through the gate belonging to the “Nicolai Vineyard and” and we go along via della Garbatella, turning left in via Fincati where we stop at the beautiful “Lotto 8”one of the most profusely decorated. This peculiar group of buildings, gathered around a courtyard, was built by architect Plinio Marconi, who also built Lotto 4 and “Dwelling 13” of the “Model Houses” we’ll discuss in the next Garbatella article. The richness and complexity of the broadly inspired decorations imply that these buildings were intended for richer families from a higher social level capable of redeeming the house in a short time.

garbatella lotto 8

Lotto 8 – Photo by Maria Freria Dominguez

The population density of this building, made between 1923 and 1926, is higher than any house previously built in the district. This changing foreshadows the new district urbanization and every future urban plan of Rome. Starting in 1927, low-density council housing won’t be considered profitable anymore even in cheap land areas; small villas and single houses were in fact more expensive if compared to intensive housing policies.

It was the premature beginning of the end of that positive experience of low-density quality dwellings that could have been the modern alternative to the XIX century “block housing” intensive construction model.

 

If interested to have a private or group tour of Garbatella, feel free to get in touch with us!

This article is offered by Veni Vidi Visit, please check our amazing not so touristy Rome Free Walking Tour!

 

zampognari abruzzesi

Natale a Roma

Festività nella Roma pontificia: Il Natale, tra rappresentazioni sacre e gozzoviglie profane.

E’ noto ai più come le festività, nella Roma papale, rappresentassero qualcosa di “estremamente serio”. All’interno di questo circo dell’effimero, che si sviluppò a partire dal Rinascimento e che vide il suo picco nel XVIII secolo, non era affatto raro che le festività religiose, estremamente spettacolarizzate, fornissero l’occasione per festeggiamenti sfarzosi. Queste baldorie, indissolubilmente legale alla realtà romana, apparivano spesso invece agli stranieri poco rispettose del carattere liturgico delle cerimonie.

Il Natale, festività religiosa tra le più importanti, ben rappresentava questa mescola di sacro e profano; divisa com’era tra gesti di devozione, chiassosi bagordi ed editti papali che tentavano in vano di rendere la città, almeno per un giorno, un simbolo di moralità.

I festeggiamenti del Natale prendevano avvio ufficialmente il 25 novembre, giorno di Santa Caterina, con l’arrivo dall’Abruzzo degli zampognari. Solitamente pastori o contadini, questi suonatori, che a volte ancora oggi è possibile scorgere durante il periodo natalizio, facevano echeggiare il suono di zampogne e ciaramelle, di giorno e di notte, presso le edicole sacre della città (unica forma di illuminazione pubblica).

Se per i romani l’arrivo rappresentava un insostituibile momento di allegria, non sempre dello stesso avviso erano i numerosi stranieri residenti in città. Ad esempio Stendhal annotava nel suo diario il proprio disappunto per il fatto di essere costantemente svegliato “già alle quattro della mattina dai pifferai o suonatori di cornamusa”. L’opinione in proposito, diametralmente opposta, del popolo romano ci viene invece riportata dal Belli. Uno dei suoi popolani immaginari pronuncia infatti queste parole: “E cquelli che de notte nu li vonno? Poveri sscemi! Io poi, ‘na stiratina, e mme li godo tra viggij’e sonno”.

Natale a Roma

Zampognari abruzzesi a Roma presso una madonnella.

Le origini forestiere di questi musicisti di strada facevano si che i romani spesso non comprendessero i testi da loro cantati. L’inarrestabile spirito popolare ipotizzava quindi ironicamente che potessero recitare “E quanto so’ minchioni ‘sti romani – che danno da magnà a ‘sti villani”. Il “cachet” degli zampognari ammontava solitamente a due paoli per una novena (periodo di nove giorni), durante la quale eseguivano due serenate ogni giorno, di mattina e di sera. Sempre Stendhal ci riferisce che coloro che avevano fama di liberali, per evitare problemi e “per essere ben visti dai vicini”, si abbonavano addirittura per due intere novene.

Come accennato in precedenza i romani dei secoli passati erano spesso molto turbolenti durante la notte di Natale ed i giorni successivi. Basti pensare, in proposito, che il ruolo degli attuali “botti”, era normalmente svolto da spari di archibugio. Erano quindi numerosi i tentativi papali, tramite la minaccia di pene corporali o pecuniarie, volti ad evitare i numerosi “eccessi”.

Durante la “Natività di Nostro Sig. Giesù Christo” erano infatti “ da fuggirsi strepiti, gridi e rumori di notte, come origine di molti scandali e occasione di diversi peccati”. Erano, più in generale, da evitare “negotij profani” di ogni sorta; inutile dire che tali minuziose norme non ottenevano mai i risultati auspicati.

Una delle proibizioni più sentite dai romani durante il Natale era quella che intimava la chiusura alle osterie ed agli alberghi dalle due di notte alle sedici del giorni successivo, in modo da eliminare ogni “occasione di scandali”. Tra i divertimenti ammessi c’era invece la tombola, che fino alla prima guerra mondiale veniva solitamente giocata nelle piazze, a debita distanza dalle chiese.

tombola lotto roma trastevere

1876 – Roma – Tombola a Trastevere

Un divieto che si tentava in ogni modo di far rispettare era quello relativo alla prostituzione. Tollerata durante il resto dell’anno, era severamente proibita durante a notte di Natale, al punto che “cortigiane, e Donne di disonesta vita” non potevano girare per la città, neanche “sotto pretesto di andare alle Messe”.

Alcune disposizioni, il cui senso può apparire all’osservatore d’oggi piuttosto oscuro, riguardavano invece, nel sei e settecento, le suore. Dal momento che durante le maggiori festività le chiese divenivano spesso luoghi di incontri mondani, nei quali oltre a “circoli e colloquij”, non mancavano gli atti “indecenti”, era vietato aprire i monasteri “fino alla mattina di giorno”. Nel tentativo di rifuggire ogni sorta di mondanità era inoltre fatto tassativo divieto alle suore di allestire presepi.

L’usanza del presepio si diffonde a Roma a partire dal Cinquecento, periodo in cui si iniziò a rappresentare la Natività in molte chiese ed abitazioni private. Ancora nell’Ottocento le famiglie nobili esibivano statuine confezionate da noti artisti, ed alcune – i cui portoni erano riconoscibili grazie ad una corona di mortella – ammettevano i curiosi ad ammirare il proprio presepe.

Il più noto fra tutti era indubbiamente quello dell’Aracoeli, secondo Giggi Zanazzo “er più mmejo presepio che sse vedessi a Roma; e la ggente p’annallo a vvedè ce faceva a ppugni”. Il protagonista indiscusso di questa rappresentazione era il miracoloso bambinello, che una fantasiosa narrazione voleva dipinto dagli angeli, scolpito alla fine del ‘400 da un ulivo dell’orto del Getsemani. La superstizione popolare riteneva che il bambino fosse in grado di sfuggire ai ladri e tornare sempre al proprio posto, proprietà questa sfortunatamente smentita quando, all’inizio del 1994, la statuina fu rubata.

bambinello aracoeli roma

Roma – Il presepe della basilica di Santa Maria in Aracoeli

Tale bambinello era ritenuto talmente prodigioso che molti moribondi romani, grazie ad una carrozza appositamente destinata dal principe Torlonia, chiedevano di poterlo baciare. La credenza del popolo riconosceva alla statua infatti delle proprietà diagnostiche “je se fanno li labbrucci rossi, è ssegno de guarizzione; si ar contrario je se fanno bbianche, è segno che er moribbonno more”.

Ovviamente, oggi come ieri, al centro delle festività natalizie era il tradizionale cenone di magro. Particolarmente interessante diveniva, la notte tra il 23 ed il 24 dicembre, il cottìo, l’asta notturna del pesce – prima dell’Unità al portico d’Ottavia o a via delle Coppelle, poi al mercato di via di San Teodoro – che mai come in quell’occasione era frequentata ed animata.

Roma - Il cottio alla Pescheria

Roma – Il cottio alla Pescheria

Quanto ai dolci, oltre al torrone, si consumabano ingenti quantità di pangiallo. Questa leccornia a base di mandorle, noci, nocciole, canditi, pinoli, miele, uva passa e cioccolato, all’interno di una glassa colorata con zafferano, sarebbe col tempo stata rimpiazzata dal panettone milanese.

Malgrado gli inviti alla continenza, come da copione, “Monzignori e Cardinali” erano soliti più di chiunque altro, durante gli spettacoli di musica sacra che tenevano nei loro palazzi, intrattenersi in libagioni e luculliani banchetti.

Circostanza questa ironicamente sottolineata dal solito Belli: “mo entra una cassetta de torrone\ mo entra un barilozzo de caviale\ mo er porco, mo er pollastro, mo er capone\ mo er fiasco de vino padronale \ poi entra er gallinaccio, poi l’abbacchio. \ L’oliva dorce, er pesce de Fojjano \ l’ojjo, er tonno, l’inguilla de Comacchio”.

Insomma una singolarissima processione profana che propiziava i numerosi convivi e simposi che avrebbero riempito le giornate dei prelati per i giorni venire.

Se si vuole continuare la tradizione della visita ai presepi durante il Natale a Roma ecco un link con alcuni dei più noti e caratteristici.

Piazza Barberini - Barberini square

Piazza Barberini

Piazza Barberini, as the name says, is deeply connected to the Barberini family. A family that will change forever the appearence of this area.

 

Piazza Barberini gets its name from the powerful noble Barberini family, but before they transformed the square into an addition to their palace, this place was named “piazza Grimana” from Cardinal Grimani, who had a vineyard with a small house at the corner of this square, right where Via Veneto begins.

Piazza Barberini in 1847

Piazza Barberini in 1847

Ground level of Piazza Barberini is nowadays the result of many earth fillings that took places along centuries to fill up what used to be a deep valley between the Pincio Hill and the Quirinale hill.

This area was populated since the first centuries of the roman empire because it was considered very healthy and mosquitoes-free, but it will be deeply urbanized only in 1600 with the Barberini family. They begun the transformations of this area building an elm bordered road leading to the cappuccini monks monastery built by Cardinal Antonio, the brother of Pope Urbano VIII Barberini. They even commissioned the bees fountain and the merman fountain but above all they begun the construction of their wonderful family palace, Palazzo Barberini.

Despite all these remarkable additions to Piazza Barberini, this area remains rather suburban and countryside-like until half of the 1800, when its appearance will be deeply transformed with the opening of via Veneto and then via Regina Elena (nowadays called via Barberini) in 1926, connecting Termini central station with the city center. Because of this road, the Barberini Theater, built by architect Pietro da Cortona, was completely demolished, togheter with a full block of charming buildings from the 1600.

Piazza Barberini 1850 and today.

Piazza Barberini 1850 and today.

Since 1645 the wonderful merman fountain pours its clangorous water gushes right in the heart of Piazza Barberini. This wonderful fountain was built by Gian Lorenzo Bernini to celebrate the anniversary of the election of Pope Urban VIII Barberini, event that happened 20 years before the fountain was completed. The fountain, being a celebrative monument, gave immediately a strong scenic sense to the whole square, becoming a beacon for people coming from the city center.

The merman fountain is a wonderful artwork mixing allegoric decorations and natural elements: from a shallow basin four big dolphins with the barberini bees (the bees are the family crest of the Barberini family) use their tails to lift up a big seashell above which there is a crouching merman. The merman, blowing in the trumpet, creates a tall water gush towards the sky.

Piazza Barberini

Piazza Barberini in 1862

This artwork is deeply inspired to Ovid’s metamorphosis 1st book, according to which before the rebirth of mankind the world will have 4 ages in which calm will be brought back to the world by the gods. The merman Tritone, blowing the trumpet, will fill with sound the surrounding lands, calling back the world to order and peace.

Bernini took inspiration from this story and created a similar strong mythological figure to be the herald of the new golden age promoted by pope Urban VIII Barberini.

Pope Urban VIII Barberini

Pope Urban VIII Barberini

Leaving the Merman fountain and Piazza Barberini behind, and going up along via delle Quattro Fontane we quickly reach the big gates of Palazzo Barberini’s entrance.

 

This article is offered by Veni Vidi Vist, please check our amazing not so touristy Rome’s Free Walking Tour!

 

 

castel sant'angelo piranesi

Castel Sant’Angelo

Castel Sant’Angelo

Nascita ed evoluzione del castello di Roma

 

Castel Sant’Angelo, a seguito alle vicende trattate nell’articolo relativo al Mausoleo di Adriano, nasce ufficialmente come castello nel 547 con Totila re dei Goti. Totila infatti, dotato di grandi capacità strategiche, intuisce che è possibile dominare Roma soltanto controllando il Castello, come può essere chiamata da questo momento la tomba di Adriano. Viene anche deciso di costituire di là dal Tevere, un piccolo “burg” o borgo fortificato per alloggiare la guarnigione. Nel 590, durante una solenne processione indetta per scongiurare una terribile pestilenza che sconvolgeva la città, papa S.Gregorio Magno ebbe la visione, secondo la leggenda, dell’arcangelo Michele che, sull’alto del castello, rinfoderava una spada fiammeggiante. Sembra che in seguito a quest’avvenimento la peste cessò di mietere vittime. Per ringraziamento fu costruita una piccola cappella dedicata all’arcangelo Michele ed è da questa data che si comincia a designare, sia pure sporadicamente, la tomba di Adriano come “Castel Sant’Angelo”.

In questa epoca, anche se già esisteva la Basilica di S. Pietro i papi risiedevano principalmente nei Palazzi del Laterano e per recarsi alla Basilica, meta di pellegrinaggi e luogo dell`incoronazione papale, dovevano passare sul ponte difeso da Castel Sant’Angelo, unico accesso alla cittadella vaticana. L’importanza militare del Castello perciò si fa sempre più evidente ed è chiaro che chi ne è padrone ha in pratica tutta Roma in mano.

Alla morte di Leone III (816), che aveva portato a termine le fortificazioni del Castello iniziate dall’imperatore Carlo Magno, i romani distrussero le nuove mura simbolo di asservimento al potere imperiale. Nell’ 846, in seguito ad un’incursione dei Saraceni, che devastano e saccheggiano l’intera città, si sente il bisogno di ricostruire queste mura. Lo stesso imperatore Lotario ne ordina la costruzione e papa Leone IV le inaugura solennemente il 27 giugno 872, consacrando definitivamente l’importanza di Castel Sant’Angelo come baluardo di difesa verso i nemici esterni ed elemento di dominio verso la Città stessa. Con il decadere della potenza imperiale inizia a Roma un periodo di grandi lotte fra le grandi famiglie cittadine per impadronirsi del potere.

Castel Sant’Angelo viene ormai citato come fortezza e sembra dimenticato il suo antico uso tombale, assume invece anche la triste funzione di carcere che non abbandonerà più e per cui è tanto ricordato. Dal 980 al 1080 vi dimora la famiglia dei Crescenzi, che lo restaura e lo rinforza. Questa famiglia è tanto potente che riesce a imporre al Castello il nuovo nome di “Torre dei Crescenzi”. Dopo alterne vicende della storia di Roma, il Castello passa nelle mani dei più potenti signori romani i Pierleoni e poi degli Orsini. E’ proprio un componente di questa famiglia, Giovanni, che divenuto papa nel 1277 col nome di Nicolò III, pensa di trasferirsi dai palazzi lateranensi alla cittadella vaticana fortificandola ulteriormente e unendo addirittura il palazzo papale accanto alla Basilica di S. Pietro con il Castello mediante un passaggio sopra le mura, esistente ancora oggi e chiamato “passetto”, per rifugiarsi nella fortezza in caso di pericolo. Utilizzazione di breve durata, perché nel 1305 la sede papale, totalmente francofila, si trasferisce ad Avignone, dove rimarrà fino al 1377. E’ questo uno dei periodi più miseri per Roma, privata degli introiti che le dava la Corte pontificia e del commercio che si faceva attorno ad essa. La Città è in mano agli Orsini, prefetti del Castello.

castel S.Angelo

Festa della Girandola a Castel Sant’Angelo – G. Lauro, acquaforte (1624)

Nelle trattative con Avignone per il ritorno della sede apostolica a Roma, una delle principali condizioni è la concessione di Castel Sant’Angelo al papa. Nel 1367 con una significativa cerimonia vengono consegnate le chiavi ad un inviato papale e nel 1377 ritorna definitivamente dall’esilio avignonese il pontefice francese Gregorio XI, che conduce con sé una Corte asservita alla Francia. I romani non tollerano né questo stato di cose, né che il Castello sia nelle mani di castellani francesi ed alla morte di Gregorio Xl, nell’aprile del 1378, il Conclave, è costretto dalla cittadinanza romana ad eleggere un papa italiano, Urbano V. Questi si dimostra ostile ai francesi e pretende le chiavi del Castello nel quale, fra l’altro, è conservato il tesoro pontificio depositato da Gregorio IX. I cardinali francesi si riuniscono allora a Fondi e il 20 settembre 1378 eleggono un antipapa. Le due fazioni entrano in conflitto aperto e si affrontano il 30 aprile del 1379 nei pressi di Marino dove le truppe italiane sconfiggono quelle francesi. Castel S.Angelo, il simbolo dell’odiato dominio francese, viene preso d’assalto e demolito in gran parte. Ciò che rimane in piedi dopo tanto scempio è la struttura fondamentale adrianea: il quadrilatero di base, il grande cilindro e la torre centrale. Il resto, ovvero le costruzioni successive e tutto quanto rimaneva del rivestimento marmoreo, viene asportato e trasformato in materiale da costruzione.

 

Qualche anno dopo nel 1390, alla morte di Urbano VI, viene eletto Bonifacio IX (nobile napoletano della famiglia dei Tomacelli) che subito si accinge alla ricostruzione del Castello, passato ormai definitivamente nelle mani della Chiesa. D’ora in poi la storia del monumento procederà di pari passo con la storia del papato. In breve tempo il Castello venne restaurato grazie a Niccolò Lamberti di Arezzo, che imposta la fortificazione secondo i criteri di utilizzazione delle nuove e micidiali armi da fuoco che hanno rivoluzionato la tattica e la strategia militare. E’ con Bonifacio VIII che viene realizzato l’ambulacro tra il cilindro romano e la cinta quadrata, tagliando i setti radiali del mausoleo che si addossavano originariamente alla mole. Con i papi seguenti continuano una serie di importanti lavori che trasformeranno radicalmente la Mole Adrianea in un caposaldo inespugnabile del potere temporale del pontefice.

Ambulacro di Bonifacio VIII

Ambulacro di Bonifacio VIII

Papa Niccolo V (1447-55), con l’architetto Rossellino, precede ad un rafforzamento della cinta muraria, erigendo su tre dei quattro angoli del basamento torri rotonde che, insieme a due torrette di difesa al ponte S. Angelo, costituiscono un formidabile e imponente accesso alla cittadella vaticana, anch’essa ristrutturata in questo periodo ad opera del grande architetto Leon Battista Alberti. Inoltre, si inizia la costruzione di un appartamento papale vero e proprio a ridosso della torre centrale, che viene inglobata in costruzioni abusive e restaurato. I papi che seguono si occupano poco del Castello.

E’ solamente con l’elezione di Alessandro VI (1492-1503), lo spagnolo Rodrigo Borgia, che i lavori proseguono in grande stile grazie all’opera dell’architetto Antonio da Sangallo, che in circa tre anni (dal ’92 al ’95) compie lavori notevoli e innovatori. Questi lavori consistono principalmente nel rafforzamento delle mura quadrangolari con l’inglobamento delle torri esistenti in potenti bastioni ottagonali. Nella parte anteriore viene costruita non solo un’altra cinta muraria ma anche un’alta e massiccia torre adibita anche ad abitazione. Fu demolito invece il muro aureliano perché inutile e ingombrante. Risale probabilmente a quest’epoca il completo interramento della rampa elicoidale adrianea e la realizzazione al suo posto della rampa diametrale che consentiva l’ingresso solo attraverso un ponte levatoio. Inoltre fu sostituita la porta d’accesso al Vaticano (la porta Enea) con una di maggiori dimensioni, come testimoniano numerose stampe dell’epoca; fu infine scavato un fossato intorno al Castello. Anche la parte superiore del cilindro del Mausoleo viene restaurata e arricchita da una cortina di mattoni, mensole di marmo e archetti.

Il grande nemico dei Borgia, Giuliano della Rovere, diventato papa col nome di Giulio II, fa progettare dal suo architetto preferito, il Bramante, la splendida loggia prospiciente il Tevere. Leone X, il papa Medici, protettore delle arti, continua l’opera di abbellimento degli appartamenti pontifici commissionando addirittura a Michelangelo la facciata laterale della cappelletta nel cortile d’onore. Nel 1527, anno particolarmente funesto per la storia della città, durante il famoso Sacco di Roma ad opera delle truppe imperiali, papa Clemente VII, ancora un Medici, si rifugia letteralmente in fuga sotto una gragnuola di colpi, nel Castello, attraverso il Passetto, grazie al sacrificio dei suoi soldati svizzeri. Sarebbe poi riuscito a fuggire con uno stratagemma, travestito da contadino. Le fortificazioni resistono magnificamente all’assedio per sette mesi. Poi si viene a patti. Con un enorme esborso di denaro le truppe si ritirano. Anche Clemente VII lascia la sua impronta in Castel S. Angelo con la decorazione di due splendide sale e la costruzione del famoso bagno o stufa.

siege of castel s.angelo

Assedio di Castel Sant’Angelo, rifugio di Papa Clemente VII – Incisione di Maarten van Heemskerck –
Hieronymus Cock (1555 – 1556)

La storia di Castel Sant’Angelo è particolarmente legata al nome del pontefice Paolo III della famiglia Farnese che si occupò più dei suoi predecessori del”abbellimento del Castello. Anche questo papa ha come architetto Antonio da Sangallo, affiancato da Raffaello da Montelupo che si occuperà di tutta la parte scultoria: porte, finestre, camini, nicchie e soprattutto la splendida statua dell’arcangelo Michele. Il Sangallo progetta nuove fortificazioni poiché si teme un’invasione saracena. Disegna una cinta pentagonale, che non sarà realizzata, e fa erigere un terrapieno, tra l’altro spazzato via da una piena del Tevere nel 1557. All’interno vengono affrescate le splendide sale dell’appartamento paolino e la loggia contrapposta a quella di Giulio II, molto simile a quella di Palazzo Farnese.

Il successore di Paolo III, Pio IV, si affretta a portare a termine il progetto delle mura pentagonali del Castello, questa volta opera dell’architetto Laparelli, e dell’ampliamento delle mura di Borgo. Sul davanti viene aggiunto un portale ad opera di Silvestro Peruzzi, peraltro mai terminate. Dopo questi grandi lavori per qualche anno Castel Sant’Angelo fu trascurato fino all’elezione di Urbano VIII, Barberini, tanto odiato dai romani. Questi rivoluzionò tutta Ia parte anteriore del Castello, distruggendo la Torre Borgia, il portale del Peruzzi e ristrutturando completamente la cinta muraria verso il Tevere. Su progetto dell’architetto Buratti, venne realizzato un nuovo portale. Nel 1667 il Bernini restaura il ponte che viene anche decorato con una serie di angeli recanti i simboli della passione di Cristo. Nel 1743 Benedetto XIV termina l’appartamento e fa sostituire la statua dell’arcangelo Michele del Montelupo, lesionata, con una di bronzo dello scultore fiammingo Verschaffelt. L’utilizzazione del Castello per lungo tempo fu quella di carcere politico, nella tranquilla e paesana Roma papalina.

Lodewijk van Wittel (Vanvitelli): Castel Sant'Angelo in un dipinto del XVII secolo

Lodewijk van Wittel (Vanvitelli): Castel Sant’Angelo in un dipinto del XVII secolo

Nel 1825 inizia la riscoperta dell’antico monumento, quando il maggiore Bavari, calandosi da una botola della rampa diametrale di Alessandro VI, allora unico accesso alla fortezza, scende nel vestibolo adrianeo e rinviene questo ingresso dimenticato e la rampa elicoidale ormai tanto colma di detriti che occorsero ben diciottomila viaggi di carri per il completo sgombero. Il fatto che Castel Sant’Angelo fosse una prigione (e per di più politica) impedì per un lungo tempo che fossero compiuti studi precisi. e Castel Sant’Angelo andò sempre più in disfacimento, come mostrano le stampe e le vedute di tutto l’ottocento.

Soltanto nel 1870, per interessamento del maggiore Mariano Borgatti, allora preposto al comando del Castello, iniziano alcuni lavori di restauro e, soprattutto, uno studio preciso sul Mausoleo che rimane basilare per chi voglia approfondire la storia di questo importante monumento.

 

Si rimanda all’articolo sul Mausoleo di Adriano per quanto riguarda la storia del monumento precedente alla sua trasformazione in castello.

Porta Appia

Porta San Sebastiano

Le Porte di Roma: Porta San Sebastiano

Porta San Sebastiano, una delle porte meglio conservate del circuito delle Mura Aureliane, nasce con il nome di Porta Appia, perché costruita a cavallo della regina viarum. Il suo nome viene cambiato in Porta San Sebastiano nel corso del tardo Medioevo, per la vicinanza con la omonima basilica e le relative catacombe.

Viene costruita attorno al 275 d.C. nel contesto della fortificazione urbana voluta dal’imperatore Lucio Domizio Aureliano che circonda l’urbe con una possente cinta muraria lunga circa 19 Km, di cui 12,5 incredibilmente ancora in piedi nel loro tratto originario.

La porta romana era formata da un doppio fornice d’ingresso sovrastato da finestre ad arco al centro delle quali era collocata la scala per salire al piano superiore, che ospitava le macchine da guerra per armare le mura e i macchinari di manovra per aprire e chiudere la saracinesca a griglia che proteggeva i due battenti della porta vera e propria. Il tutto racchiuso entro due torri aggettanti come le vediamo ancora oggi.

Dato il passaggio della via Appia in questo punto, Porta San Sebastiano era una delle porte più trafficate di Roma e pertanto dotata anche di un “parcheggio a lunga sosta”. Difatti per lunghi periodi nella capitale era vietato il traffico di mezzi privati e subito al di fuori della porta era stata attrezzata un’area di sosta ove lasciare le proprie vetture prima di entrare in città. Sembra che anche la famiglia imperiale avesse un suo posto riservato, il “Mutatorium Caesaris”, veramente poco distante dall’arco d’ingresso.

Vari sono i rimaneggiamenti subiti nel tempo non solo da Porta San Sebastiano ma da tutta la cinta muraria; la più importante di queste trasformazioni fu quella eseguita dall’imperatore Onorio intorno all’anno 403 d.C., a seguito delle continue minacce di invasione da parte dei Goti.

Questo intervento raddoppiò l’altezza delle mura e creò un doppio camminamento. Il primo, aureliano, fu trasformato in una galleria coperta e quello nuovo, sulla sommità, era a cielo aperto e riparato da una merlatura continua. Porta San Sebastiano fu trasformata con la chiusura di uno dei due fornici e la costruzione di due muri paralleli che collegavano la porta col retrostante Arco di Druso, un preesistente fornice dell’acquedotto antoniniano realizzato da Caracalla nell’anno 213 d.C. per portare l’acqua alle sue nuove terme in costruzione. L’unione della porta con l’arco fornì una maggiore fortificazione all’entrata, che constava in tal modo di un cortile d’accesso compreso fra due porte e così meglio difendibile.

Arco di Druso

1870 Porta San Sebastiano, retro – Arco di Druso

La chiusura della porta era realizzata da due battenti in legno e da una saracinesca che scendeva, entro scanalature tuttora visibili, dalla sovrastante camera di manovra, in cui ancora esistono le mensole in travertino che la sostenevano. Alcune tacche sugli stipiti possono indurre a ritenere che si usassero anche dei travi a rinforzo delle chiusure.

Tutta questa fortificazione non portò grandi giovamenti all’apparato difensivo dell’Urbe ma anzi ne accentuò alcuni danni strutturali che risultarono fatali durante la famosa invasione dei visigoti di Alarico nell’anno 410 d.C.

 

Dopo la caduta dell’impero Roma si trasforma, si ridimensiona, ma non cessa mai di esistere; non più centro di un grande impero Roma diviene a poco a poco capitale della cristianità e non sono pochi gli indizi di questa trasformazione anche sulle pietre di Porta San Sebastiano: una croce con iscrizione in greco è situata al posto della chiave di volta nella faccia interna della porta. Risalente al VI-VII secolo, è dedicata ai santi Canone e Giorgio ed è una delle infinite testimonianze della presa di possesso cristiana di tutti i monumenti dell’antichità. Ciò che non poteva essere distrutto, in questo caso per la sua massima utilità, veniva riconnotato in senso cristiano.

Un suggestivo graffito di San Michele Arcangelo che uccide il drago orna la parete interna del fornice d’ingresso. L’iscrizione posta lì accanto riporta la data del 29 Settembre 1327. Nel giorno dedicato all’arcangelo, Roma dovette affrontare un’importante battaglia, che vide contrapporsi la fazione romana dei guelfi fedeli al papa alla fazione napoletana di Roberto d’Angiò. Per la futura storia dell’Urbe la vittoria della fazione romana fu fondamentale, poiché consegnò allo Stato Pontificio le chiavi di un fiorente e lungo futuro a capo della Città Eterna.

Arcangelo Michele

Graffiti a porta San Sebastiano – L’arcangelo Michele

 

Molti sono inoltre i graffiti lasciati sulle pietre dai viandanti che entravano in città, spesso per adempiere ad un pellegrinaggio verso i luoghi sacri della cristianità. Talvolta qualche generoso viandante ha anche lasciato delle utili indicazioni stradali, come la famosa scritta “Qui si va a San Gio…”

Nel 1536 l’imperatore Carlo V entra trionfalmente in città; ad Antonio da Sangallo è affidata la trasformazione della porta in un “arco di trionfo” per l’imperatore spagnolo. La fornì di stucchi, colonne, statue e rilievi marmorei e affisse dei festoni per i quali furono attaccati ai muri dei ganci che ancora oggi ne forniscono testimonianza.

Infine nel ventennio fascista la porta san Sebastiano venne occupata come pied-à-terre dal gerarca Ettore Muti che la abitò senza trasformarne l’identità, ma anzi utilizzando lo stile imperiale romano come peculiarità del suo rifugio.

Ettore Muti

Porta San Sebastiano – Particolare dell’appartamento di Ettore Muti

 

Visitando Porta San Sebastiano oggi, si ha l’opportunità di passare entro un tratto dell’antico camminamento delle mura, dove si possono ancora ammirare le torrette che ospitavano i soldati di guardia, le feritoie nei muri sia aureliane che onoriane, un dipinto murario medievale raffigurante una Madonna con Bambino, segno di un riutilizzo cristiano di questo tratto di mura ormai abbandonato durante il Medioevo.

 

Infine è possibile visitare, gratuitamente, il Museo delle Mura che ospita all’interno delle sue sale raccolte di materiali lapidei romani e cristiani strettamente collegati con la vita della porta; modellini delle mura romane e una breve storia delle trasformazioni subite dalla cinta muraria dell’Urbe nel corso dei secoli.

 

Per informazioni circa gli orari d’ingresso si può consultare il sito http://www.museodellemuraroma.it/

Rocca Ardeatina

Ardeatina

Il mistero della via Ardeatina.

La via Ardeatina , nella serie delle vie suburbane, risulta essere una delle meno ragguardevoli e la meno riconosciuta nel corso relativo. Questa strada, di cui abbiamo notizia grazie ai Cataloghi Regionari, giungeva all’antica città di Ardea, sede dei Rutuli, una delle località più importanti del lazio meridionale trai secoli VIII e VI a.c., fatto questo che ne comproverebbe l’antichità. Distante da Roma all’incirca 24 miglia, questo insediamento vanta origini mitiche, di volta in volta attribuite a Danae, figlia del re di Argo, oppure a Ardeas, figlio di Odisseo e Circe. La decadenza precoce di Ardea, in stato di semi-abbandono agli albori dell’età imperiale, e la concorrenza delle vie commerciali adiacenti, resero però ben presto l’Ardeatina una strada poco frequentata. Inoltre, nel corso del medioevo e dell’era moderna, il tracciato originale fu stravolto a tal punto che oggi non è possibile restituirne l’andamento di un tempo, specialmente nel tronco suburbano. Ad ogni modo, secondo gli studi del Tomassetti, la via:

<partiva dalla Porta Nevia del recinto primitivo urbano, piegava a sinistra verso l’Appia, con la quale non aveva comune il percorso ma proseguiva sulla destra, quindi passava tra San Sebastiano e la tenuta detta Tor Marancia; poi tra Zampa di bove e la via dell’Annunziatella, poi fra Tor Carbone e Sant’Alessio, poi dentro la Cecchignola, ove fu rintracciata nel 1828; poi per Casal Giudio, Monte Migliore, Solfaratella e Santa Procula raggiunge il castello di Ardea>.

ardeatina

Via ardeatina alla Cecchignola – Ritrovamento negli anni ’80

L’autore cita, a tal proposito, un’interessante fonte secondo la quale dalla Porta Nevia partiva anche la vicina via Laurentina. L’esistenza stessa di tale via, contribuì alla concorrenza della quale sopra accennavo che causò l’abbandono del tracciato ardeatino.

L' antica via Ardeatina - particolare

L’ antica via Ardeatina – particolare

I ritrovamenti di cospicue proprietà antiche e del medioevo, cimiteri cristiani e basiliche, convincono gli studiosi che la via fosse comunque frequentata sia nell’antichità che nel medioevo. In età medievale infatti la via Ardeatina restò comunque parzialmente in uso, malgrado le località verso cui conduceva fossero spopolate. Così, ad esempio, sorse ai piedi dell’abbandonata rocca di Ardea, nella località che oggi mantiene il nome di Casalazzara, un lazzaretto che ospitava i lebbrosi espulsi da Roma. In età moderna l’unico evento degno di nota nella zona fu invece, nel 1700, la fondazione del santuario del divino amore.
Un interessante passo del Tomassetti sottolinea lo stato di abbandono in cui versava la zona, ancora alla metà degli anni ’50 del Novecento:

<Mancanza d’acqua nel tronco medio, di ricoveri, di tutto. Quivi sfoggia tutta la sua prepotenza dei pecorari, che si lasciano impunemente insidiare alla vita dei passeggeri. In una delle gite su questa via siamo stati assaliti da una truppa di sei cani mastini; e se uno dei miei compagni, armato di fucile, non ne avesse fatto ruzzolare il più veloce ad arrivarci, saremmo stati in pericolo di vita>.
L’ultima rilevante sventura che conferma le difficoltà che questa strada ebbe nel corso dell’era moderna è la sparizione della porta urbana da dove partiva. La via Ardeatina usciva dalla Porta Nevia delle mura Serviane, sul ciglio dell’Aventino a eguale distanza tra le chiese di San Saba e Santa Balbina.

Secondo gli studi del Tomassetti, ma anche solo a rigor di logica, la via doveva avere anche un uscita sul più ampio recinto Aureliano, di cui però non si ha traccia, facendo supporre che la porta sia stata chiusa in tempi antichi. La porta Ardeatina di età imperiale invece fu stravolta nel XVI secolo da Antonio di Sangallo, che la demolì nel 1538 durante i lavori di fortificazione di quella parte delle mura. Una piccola porta invero esiste nelle mura Aureliane, tra il bastione del Sangallo e la porta Appia: <con architrave e stipiti di travertino e una luce di metri 2.90> Ma la posizione di essa, visibile ancora oggi, che non guarda la campagna, la qualità della costruzione e l’esame del suolo suburbano concorrono a escludere totalmente che questa porta possa avere avuto relazioni con la via Ardeatina.

Palazzo Barberini Prospetto

Palazzo Barberini

PALAZZO BARBERINI: Un alveare nel cuore di Roma

 

Parlare dei Barberini a Roma significa parlare di una famiglia che non ha soltanto governato la città in uno dei suoi periodi più floridi, ma che ne ha anche trasformato irreversibilmente il volto pubblico, scrivendo importanti capitoli della sua storia e soprattutto della sua storia dell’arte.

Agli inizi del 1600 i “Tafani” di Barberino Val d’Elsa erano una ricca famiglia toscana in forte ascesa, politica ed economica. Il loro stemma, il tafano appunto, viene considerato poco consono per una famiglia dalle grandi ambizioni e dai grandi progetti politici ed è così che l’ape fa finalmente  la sua apparizione sullo stemma araldico di famiglia, diventando il loro simbolo per eccellenza. Una volta giunta a Roma l’aristocratica famiglia prende il nome di Barberini per non dimenticare il paese d’origine e inizia qui una scalata sociale che culminerà il giorno del 6 Agosto 1623, con l’elezione al soglio pontificio di papa Urbano VIII, al secolo Maffeo Barberini.

Stemma di Urbano VIII Barberini

Stemma di Urbano VIII Barberini

 

La famiglia più potente dell’Urbe necessita di una residenza appropriata ed è così che, nel 1625, inizia la costruzione del luogo simbolo del loro potere: Palazzo Barberini. Si pensa innanzitutto ad una totale risistemazione dell’area circostante il palazzo e soprattutto del cuore pulsante del quartiere che da questo momento prenderà il nome di Piazza Barberini. Al centro della piazza è il grande  Gian Lorenzo Bernini a realizzare la Fontana del Tritone, mitica divinità marina, che guarda caso poggia le sue squamose membra su di un piedistallo decorato con lo stemma dei committenti: le immancabili api.

 

Da qui volgendo lo sguardo in alto, verso la sommità del colle Quirinale, il nostro occhio viene catturato dalla maestosa residenza della famiglia, residenza che l’architetto Carlo Maderno inizia a costruire nel 1625, progettando un palazzo rettangolare che inglobi il preesistente Palazzo Sforza, di fattura rinascimentale. Il Maderno porta qui non solo il suo immenso bagaglio d’esperienza (essendo oramai un anziano architetto che si avvia verso la fine della sua vita), ma anche un promettente aiutante, un parente svizzero alle prime armi che si presenta al mondo con il nome di Francesco Borromini. I due collaborano al cantiere fino alla morte del maestro, avvenuta nel 1629. Il progetto passa quindi, per espressa volontà del Maderno, nelle mani del Bernini, che stravolge la pianta del palazzo aggiungendo le due ali alterali e trasformando l’edificio nella veste che ancora oggi ammiriamo. Il palazzo prende quindi una singolare forma ad H, con le ali laterali che nella zona antistante l’ingresso fungono da accompagnamento per il visitatore in arrivo, mentre nella parte posteriore segnano il passaggio verso gli – allora – immensi giardini all’italiana.

Alla sua conclusione Palazzo Barberini può a buon titolo definirsi una residenza (in quanto organizzato in modo perfetto come abitazione nobiliare), un luogo di rappresentanza (posto in una posizione sopraelevata e facilmente riconoscibile dalle zone circostanti e dotato di sale per ricevimenti ufficiali) e villa suburbana (per la presenza dei grandiosi giardini retrostanti che quasi trasformano la residenza in una villa di campagna). Invano oggi cercheremmo i giardini in cui i Barberini amavano passeggiare nelle giornate primaverili; questi sono stati lentamente ma inesorabilmente rosicchiati dalle esigenze urbanistiche e cementizie della Roma monarchica e poi fascista.

All’interno dell’ala est il Bernini realizza il maestoso scalone che conduce ai piani superiori; nell’ala opposta sarà il Borromini a creare la meravigliosa scala elicoidale in continuo dialogo con la prima e a segnare da subito una rivalità che perdurerà per il resto della vita dei due artisti.

 

La decorazione dell’interno rispecchia fedelmente quella che era la funzione degli ambienti, a partire dalle volte affrescate delle sale al primo piano che oggi ospitano i capolavori italiani del primo Cinquecento. Queste quattro sale fanno parte del nucleo originario di Palazzo Sforza e qui venne chiamato il pittore Antonio Viviani a decorare i soffitti con storie delle Genesi che alludono palesemente al tema della fertilità e della procreazione (come l’annuncio ad Abramo della gravidanza di Sara o Dio che dice ad Abramo “sarai padre di una moltitudine di popoli”), essendo questo l’appartamento abitato dal duca Mario Sforza dopo le sue nozze con Renée di Lorena.

I Barberini hanno ovviamente i loro pittori di corte; così a decorare le nuove sale del palazzo viene chiamato per primo Andrea Sacchi, che realizza, fra le altre cose, il grandioso “Trionfo delle divina Sapienza”, chiaro omaggio alla persona di Urbano VIII laddove le costellazioni rappresentate ricreano la congiunzione astrale verificatasi la notte fra il 5 e il 6 agosto, data dell’elezione del pontefice.

Amico e successore del Sacchi nelle grazie dei Barberini è Pietro da Cortona, a ragion veduta considerato uno dei padri del movimento barocco in Italia. E’ il pittore aretino a realizzare il celebre “Trionfo della Divina Provvidenza” nel salone principale del palazzo, ma non c’è da stupirsi se tale affresco oggi è noto ai più con il nome di “Trionfo Barberini”.

Al centro della grandiosa decorazione difatti, quasi in posizione di supremazia rispetto alla reale protagonista che è la divina provvidenza, si pongono le virtù cardinali che sorreggono una corona dall’alloro dalla bizzarra forma di stemma, all’interno della quale svolazzano guarda caso tra api dorate e al di sopra della quale le personificazioni della Gloria e della Città di Roma sorreggono rispettivamente le chiavi papali e il triregno, la tiara posta sul capo dei pontefici al momento della loro incoronazione. Ai lati dell’affresco sono poste allegorie simboleggianti gli effetti del buon governo del pontefice Urbano VIII: la pace è richiamata dalla presenza del tempio di Giano con le porte della guerra chiuse; le virtù sconfiggono i vizi laddove Ercole sconfigge le arpie; l’amore spirituale trionfa sulla lascivia che viene cacciata dal letto di Cupido; l’intelletto è simboleggiato da Minerva che campeggia sulla scena della caduta dei giganti, simbolo delle forza bruta sconfitta dall’intelligenza.

Pietro da Cortona - Trionfo della Divina Provvidenza

Pietro da Cortona – Trionfo della Divina Provvidenza

La storia della collezione d’arte qui ospitata nasce quindi in questo periodo, con i Barberini che si distinguono per essere non solo dei grandi mecenati ma anche dei grandissimi collezionisti (d’altronde è vero o no che Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini?), pronti ad accaparrarsi ad ogni costo i pezzi migliori delle collezioni altrui e delle antichità che venivano riportate alla luce nella città di Roma. Con l’unità d’Italia in un primo tempo la collezione viene salvaguardata ma un discutibile Regio Decreto del 1934 abolisce ogni vincolo alla vendita dei pezzi della galleria e lasciano così l’Italia alcuni capolavori di Dürer, Caravaggio, Guercino, Poussin, Guido Reni ed altri. Ciononostante, fermata l’emorragia di opere d’arte, la galleria vanta ancora oggi una cospicua raccolta di capolavori pittorici che attraversano l’arte italiana dal 1200 al 1700 e possiamo annoverare fra questi, su tutti, la “Fornarina” di Raffaello e “Giuditta e Oloferne” del Caravaggio.

 

La collezione della Galleria nazionale d’arte antica è trattata nel dettaglio in questo articolo, per ulteriori approfondimenti si può consultare il sito istituzionale del Museo

Statue parlanti

Marforio

Marforio: una delle statue parlanti di Roma.

Nel 1832 Gioacchino Belli scrive il sonetto intitolato “una Casata”

Cristoggesummaria, cc’antro accidente!
Sete una gran famijja de bbruttoni.
E nnun méttete in pena ch’io cojjoni,
perché pparleno tutti istessamente.

Dar grugno de tu’ padre a li meloni,
cuelli mosini, nun ce curre ggnente:
e ar vedé mmamma tua, strilla la ggente:
“Monaccallà, ssò ffatti li bbottoni?”

Tu, senza naso, pari er Babbuino:
tu’ fratello è er ritratto de Marforio,
e cquell’antro è un po’ ppeggio de Pasquino.

Tu e Mmadama Lugrezzia, a sti prodiggi,
v’amanca de fà cchirico Grigorio,
pe mmette ar mucchio l’Abbate Luiggi.

I bizzarri personaggi citati in questo sonetto sono i membri del “Congresso degli Arguti”, una società di particolari ed unici liberi pensatori romani che furono, per moltissimi secoli, croce e delizia dell’urbe. A lungo hanno fatto sorridere il popolo ed infuriare i potenti con i loro motti salaci, composizioni in prosa o versi di vario tipo, assurgendo al ruolo di portavoce dei malumori, delle denunce e delle proteste politiche e sociali del popolo romano.

Incredibilmente è possibile ancora oggi incontrarne in membri per le piazze e vie di Roma: sono le cosiddette “statue parlanti”: Marforio, Madama Lucrezia, il Facchino, l’Abate Luigi, il Babuino ed il celeberrimo Pasquino.

Inizieremo questa rassegna delle statue parlanti con il Marforio.

Marforio la statua parlante del Campidoglio

Marforio la statua parlante del Campidoglio

L’identità di Marforio, statua di figura barbuta distesa su un fianco risalente al II secolo, è a tutt’oggi incerta; era certamente una grande statua di culto sulla quale molte sono le ipotesi, tradizionalmente la si attribuisce ad un culto fluviale oppure al dio Oceano. Neppure la sua collocazione originaria è certa, si ipotizza però che l’opera decorasse il Foro di Marte, nei pressi del carcere Mamertino, da cui forse l’appellativo “Martis Forum” e quindi Marforio.

Nel Congresso degli Arguti, Marforio svolgeva princialemente il ruolo di “spalla“ del più celebre Pasquino, intrattenendosi spesso in ironiche conversazioni a suon di botta e risposta, ma nonostante questi due marmorei personaggi conversarono per secoli, in realtà non si videro nemmeno mai in faccia.

L’opera era già conosciuta nel XII secolo ed era inserita nel muro di contenimento dell’Ara Coeli quando ancora non c’era la fabbrica del Museo, oggi la troviamo quindi inglobata nel cortile dei Musei Capitolini. In precedenza se ne hanno testimonianze anche a decorazione di una fontana del Palazzo dei Conservatori, su disegno di Giacomo Della Porta.

Il numero di epigrammi e satire che nottetempo i romani si divertivano ad appendere alla statua, a partire dal XVI secolo, raggiunse livelli tali dal rendere necessaria la nomina di un apposito custode notturno della statua.

Tra le conversazioni più celebri tra il Marforio e Pasquino non si può non menzionare quella diretta contro Napoleone Bonaparte, al quale non fu perdonata la pesante trafugazione di opere d’arte Romane in Francia durante le campagne belliche.

Marforio domandava:Pasquino, è vero che li francesi sò tutti ladri?

e Pasquino rispondeva:Tutti no, ma BonaParte!“.

Un’altra conversazione avvenne durante il pontificato di Clemente XI Albani, papa che spesso spediva ad Urbino, sua patria, grosse somme di danaro.

Marforio domandava: «Che fai, Pasquino?»

e l’altro rispondeva: «Eh! Guardo Roma, chè non vada a Urbino.»

Qualche volta anche Marforio fa lo spiritoso. Un bel giorno domanda al compare:

«Amico! indóve vai così de fuga?»

«Lasceme annà, che ho da fa’ un viaggio lungo, gnente de meno che ho d’arrivà a Babilonia!»

«E allora férmete, chè se’ arrivato!»

Certo il verso non è proprio originale. Marforio aveva infatti letto e fatto suo quel verso di Petrarca: «Già Roma, or Babilonia falsa e ria,».

Marforio la statua parlante del Campidoglio

Marforio la statua parlante del Campidoglio

 

Marforio si può incontrare oggi, ben ripulito dopo il restauro sponsorizzato dalla Swarovsky nel 2013, durante una visita ai Musei Capitolini